Alessandro Tiarini (Bologne, 1577 - Bologne, 1668) est un peintre italien baroque du XVIIe siècle, se rattachant à l'école bolonaise.

PropertyValue
dbpedia-owl:abstract
  • Alessandro Tiarini (Bologne, 1577 - Bologne, 1668) est un peintre italien baroque du XVIIe siècle, se rattachant à l'école bolonaise.
  • Alessandro Tiarini (Bolonia, 20 de marzo de 1577 - Bolonia, 8 de febrero de 1668) fue un pintor italiano del Barroco, perteneciente a la Escuela Boloñesa.
  • Alessandro Tiarini (* 20. März 1577 in Bologna; † 8. Februar 1668) war ein italienischer Maler.Seine Mutter starb früh; er wuchs bei einer Tante auf, die erfolglos versuchte, ihn zu einer kirchlichen Laufbahn zu bewegen.Der Maler Lavinia Fontana war sein Pate. Zu seinen Lehrern gehörten Prospero Fontana und Bartolomeo Cesi. Nach einem tödlichen Streit floh Tiarini nach Florenz. Dort arbeitete er hauptsächlich für Domenico Passignano, aber auch für Bernardino Poccetti und Jacopo da Empoli.
  • Alessandro Tiarini (March 20, 1577 – February 8, 1668) was an Italian Baroque painter of the Bolognese School.
  • Alessandro Tiarini (Bologna, 20 marzo 1577 – 8 febbraio 1668) è stato un pittore italiano.La sua formazione si svolse presso Prospero Fontana, influenzato successivamente dall'opera di Bartolomeo Cesi, nel 1599 fu a Firenze, dove realizzò gli affreschi con Storie di san Marco, per l'omonimo convento, con colori freddi e chiari.Tornato a Bologna si avvicinò alla scuola dei Carracci, accogliendone le nuove istanze naturalistiche, avvicinandosi specialmente all'opera di Ludovico Carracci.Su sollecitazione di Ludovico Carracci per la Basilica di San Petronio eseguì il Martirio di santa Barbara.Nel 1611 realizzò l'Assunta per Budrio.Tra il 1613 e il 1614 dipinse per la Chiesa di San Giovanni Battista a Crevalcore Cristo pone sul capo di Santa Caterina da Sienala corona di Spine (olio su tela, cm 245 x 149).Del 1614 sono gli affreschi nella chiesa di San Michele in Bosco.Tra il 1614 e il 1618 realizzò per la chiesa di San Domenico il quadro con San Domenico che risuscita un bambino, con numerose figure di enormi dimensioni, di impostazione e illuminazione drammatica.Durante gli anni seguenti intensificò questa tendenza inserendo le sue figure in composizioni scure e di impressionante gravità, come nella Deposizione di Cristo nel sepolcro , opera realizzata per la chiesa di Sant'Antonio del Collegio Montalto e ora alla Pinacoteca Nazionale di Bologna e nel San Martino che fa risuscitare il figlio della vedova nella chiesa di Santo Stefano.A contatto con gli ambienti pittorici di Parma, Venezia e Ferrara e soprattutto con la rilettura dell'opera del Correggio, schiarisce la tavolozza mentre le figure acquistano monumentalità e maggiore naturalezza; ne sono esempi le Nozze mistiche di santa Caterina della Galleria Estense, gli affreschi in Palazzo del Giardino e in Sant'Alessandro a Parma e Rinaldo e Armida del Musée des beaux-arts di Lilla.Successivamente fu attivo a Reggio Emilia, eseguendo affreschi nella Basilica della Ghiara dei Servi di Maria, oltre a quadri per diverse chiese. È degna di nota la pala La SS. Trinità supplicata dalla Vergine, inizialmente posta nell'oratorio della Trinità, poi, in seguito alla distruzione dell'Oratorio, collocata nella Chiesa di San Pietro. La pala è caratterizzata da un'originale idea compositiva: accanto al Padre (riccamente vestito) in colloquio col Figlio (seminudo, coi segni della Passione), sui quali aleggia la colomba dello Spirito, vi è la figura della Vergine Maria, lievemente sfiorata dalla mano del Figlio, a significare forse il riconoscimento della maternità. L'opera è del 1633. Tiarini in questo periodo lavorò anche per chiese di Modena e di Pavia.Secondo Carlo Cesare Malvasia, si ritirò cedendo i propri pennelli ad Andrea Sirani, non riuscendo a tenere il passo di Guido Reni, allora tornato a Bologna da Roma.
dbpedia-owl:thumbnail
dbpedia-owl:wikiPageID
  • 2664341 (xsd:integer)
dbpedia-owl:wikiPageLength
  • 3142 (xsd:integer)
dbpedia-owl:wikiPageOutDegree
  • 48 (xsd:integer)
dbpedia-owl:wikiPageRevisionID
  • 103588618 (xsd:integer)
dbpedia-owl:wikiPageWikiLink
prop-fr:wikiPageUsesTemplate
dcterms:subject
rdfs:comment
  • Alessandro Tiarini (Bologne, 1577 - Bologne, 1668) est un peintre italien baroque du XVIIe siècle, se rattachant à l'école bolonaise.
  • Alessandro Tiarini (Bolonia, 20 de marzo de 1577 - Bolonia, 8 de febrero de 1668) fue un pintor italiano del Barroco, perteneciente a la Escuela Boloñesa.
  • Alessandro Tiarini (* 20. März 1577 in Bologna; † 8. Februar 1668) war ein italienischer Maler.Seine Mutter starb früh; er wuchs bei einer Tante auf, die erfolglos versuchte, ihn zu einer kirchlichen Laufbahn zu bewegen.Der Maler Lavinia Fontana war sein Pate. Zu seinen Lehrern gehörten Prospero Fontana und Bartolomeo Cesi. Nach einem tödlichen Streit floh Tiarini nach Florenz. Dort arbeitete er hauptsächlich für Domenico Passignano, aber auch für Bernardino Poccetti und Jacopo da Empoli.
  • Alessandro Tiarini (March 20, 1577 – February 8, 1668) was an Italian Baroque painter of the Bolognese School.
  • Alessandro Tiarini (Bologna, 20 marzo 1577 – 8 febbraio 1668) è stato un pittore italiano.La sua formazione si svolse presso Prospero Fontana, influenzato successivamente dall'opera di Bartolomeo Cesi, nel 1599 fu a Firenze, dove realizzò gli affreschi con Storie di san Marco, per l'omonimo convento, con colori freddi e chiari.Tornato a Bologna si avvicinò alla scuola dei Carracci, accogliendone le nuove istanze naturalistiche, avvicinandosi specialmente all'opera di Ludovico Carracci.Su sollecitazione di Ludovico Carracci per la Basilica di San Petronio eseguì il Martirio di santa Barbara.Nel 1611 realizzò l'Assunta per Budrio.Tra il 1613 e il 1614 dipinse per la Chiesa di San Giovanni Battista a Crevalcore Cristo pone sul capo di Santa Caterina da Sienala corona di Spine (olio su tela, cm 245 x 149).Del 1614 sono gli affreschi nella chiesa di San Michele in Bosco.Tra il 1614 e il 1618 realizzò per la chiesa di San Domenico il quadro con San Domenico che risuscita un bambino, con numerose figure di enormi dimensioni, di impostazione e illuminazione drammatica.Durante gli anni seguenti intensificò questa tendenza inserendo le sue figure in composizioni scure e di impressionante gravità, come nella Deposizione di Cristo nel sepolcro , opera realizzata per la chiesa di Sant'Antonio del Collegio Montalto e ora alla Pinacoteca Nazionale di Bologna e nel San Martino che fa risuscitare il figlio della vedova nella chiesa di Santo Stefano.A contatto con gli ambienti pittorici di Parma, Venezia e Ferrara e soprattutto con la rilettura dell'opera del Correggio, schiarisce la tavolozza mentre le figure acquistano monumentalità e maggiore naturalezza; ne sono esempi le Nozze mistiche di santa Caterina della Galleria Estense, gli affreschi in Palazzo del Giardino e in Sant'Alessandro a Parma e Rinaldo e Armida del Musée des beaux-arts di Lilla.Successivamente fu attivo a Reggio Emilia, eseguendo affreschi nella Basilica della Ghiara dei Servi di Maria, oltre a quadri per diverse chiese.
rdfs:label
  • Alessandro Tiarini
  • Alessandro Tiarini
  • Alessandro Tiarini
  • Alessandro Tiarini
  • Alessandro Tiarini
owl:sameAs
http://www.w3.org/ns/prov#wasDerivedFrom
foaf:depiction
foaf:isPrimaryTopicOf
is dbpedia-owl:wikiPageWikiLink of
is foaf:primaryTopic of